Ortica Editrice

Guy Debord

(1931-1994), pensatore strategico, artista critico, scrittore e cineasta francese, tra i fondatori dell’Internazionale situazionista (1957-1972) che unisce alcuni gruppi europei dell’avanguardia in una critica radicale della cultura e della società capitalistica. Nel 1967 pubblica il suo saggio più celebre, La società dello spettacolo. Sostiene la necessità di promuovere l’autonomia individuale e collettiva attraverso la creazione di situazioni grazie a cui gli individui possano divenire soggetti attivi della realtà. Tra gli anni  ’50 e i ’70 è spesso in Italia, ma nel 1977 ne viene espulso perché coi suoi amici dal 1969 non ha mai smesso di denunciare il terrorismo dello Stato.